Cosa facciamo

Il progetto Numero Zero nasce dall’impegno di CoAbitare nel promuovere l’idea di cohousing in Italia.

Per capire meglio che cosa intende CoAbitare per cohousing, val la pena leggere le finalità dell’associazione così come è scritto nel suo Statuto:

Articolo 2. Finalità

L’Associazione persegue e promuove esclusivamente attività di promozione sociale a favore di associati e/o di terzi finalizzate a:

  • favorire la formazione di comunità intergenerazionali di coabitazione sostenibile, basate su un modello di convivenza attiva, sull’aiuto reciproco e sulla volontà di mettere in compartecipazione conoscenze e capacità, nel rispetto dell’ambiente e di uno stile di vita pratico e spontaneo;

  • promuovere la realizzazione di abitazioni in cui coesistano spazi privati e spazi comuni dove:

  1. vivere momenti di convivialità e cultura (cene, feste, gare, dibattiti, proiezioni cinematografiche, corsi vari, ecc.);

  2. fruire di servizi comuni, quali la cucina e la sala per le feste, il micronido, il doposcuola, la palestra, l’officina fai-da-te, la biblioteca, la foresteria, la dispensa, ecc.;

  3. conseguire risparmi economici e vantaggi ambientali attraverso, ad esempio, gruppi di acquisto solidale, il car sharing, l’assistenza a bambini ed anziani, promuovendo e sostenendo i principi del “co-housing” o “coabitazione” sul territorio;

  4. costituire un riferimento ripetibile sul territorio per ulteriori esperienze di co-residenza sostenibile;

  5. promuovere e accompagnare la nascita di società cooperative o altre forme giuridiche ritenute idonee improntate allo spirito di CoAbitare;

  6. favorire l’ideazione e la progettazione partecipata di architetture che sostengano il risparmio energetico e l’uso di fonti rinnovabili di energia;

  7. prevenire il disagio sociale perseguendo il benessere psico-fisico delle persone attraverso la valorizzazione di ogni fase della vita dell’uomo ed il soddisfacimento delle esigenze peculiari di ciascuna età. Il sostegno reciproco morale e materiale permette infatti di garantire:

  8. ai bambini la libertà di movimento e di espressione sotto opportuna vigilanza anche quando i genitori non sono presenti;

  9. ai giovani una maggiore serenità nel maturare la responsabilità di diventare genitori;

  10. agli anziani la possibilità di sperimentare le loro capacità di aiuto, il benefico allungamento dei tempi di autonomia, il superamento della solitudine e dell’isolamento, favorendo la prevenzione dello sviluppo di patologie senili.

Da queste basi, abbiamo sviluppato un Manifesto (pdf scaricabile) in cui si riflette la “filosofia” che stiamo cercando di seguire nella realizzazione di Numero Zero.

I commenti sono chiusi.